Produzione

Il progetto culturale di Caucaso nasce da una particolare convergenza tra tensione scientifica e produzione artistica. La forma eletta per questa realizzazione è quella del cinema-documentario. Fondata nel 2004 e partendo da Bologna come sede operativa, nel corso del tempo la società cooperativa Caucaso ha curato in profondità una rete di relazioni nel contesto produttivo italiano e internazionale (Parigi, Berlino, Roma, Torino, Trieste, Lecce). Caucaso opera principalmente realizzando opere tratte da soggetti originali. La piattaforma produttiva cooperativa di Caucaso si posiziona tra il cinema, il mercato televisivo e radiofonico del documentario, la commercializzazione di opere e installazioni artistiche e l’alta formazione. Nel 2015 si costituisce in forma di start up innovativa a vocazione sociale riconosciuta dal Mise. Attraverso il coinvolgimento attivo attraverso laboratori di formazione in alcune progettualità, Caucaso sperimenta una speciale forma d’inclusione sociale. Il cuore dell’attività industriale di Caucaso è unire un interesse particolare a tematiche d’impegno civile con le necessità commerciali e industriali del settore audio – visuale.

 

 

Ligne 7 è una società di produzione e distribuzione nata nel 2016 con sede a Parigi e Coudekerque-Branche. Obiettivo del team è di supportare film creativi e con una particolare attenzione all’impegno e alla passione per il cinema. Nel 2017 distribuiscono il film Werewolf, di Ashley McKenzie, presentato alla 67 edizione di Berlinale Forum e selezionato al Toronto International Film Festival

 

 

La casa di produzione cinematografica Manufactory Productions produce e realizza video musicali, spot pubblicitari, fashion video e documentari brevi tra Bologna e Londra. Nel 2015 “I Am Not Alone Anyway” di Veronica Santi è il primo documentario lungometraggio prodotto, distribuito da I Wonder Pictures, Bologna. Nel 2016 co-produce “A casa mia” di Mario Piredda, vincitore del David di Donatello per il miglior cortometraggio e “Mono-Y” di Enrico Poli, Best New Italian Fashion Film al Milano Fashion Film Festival. Nel 2017 è in collaborazione alla produzione per il documentario “Shelter – Song of a Caregiver”, il cortometraggio “Mon Clochard” di Gian Marco Pezzoli (prod. Articolture, Bologna – Distribuzione Elenfant, Bologna) e il fashion video “Not(e) for a Dreamer” di Enrico Poli (prod. White Coat, Londra), vincitore del premio “Best Director” al London Fashon Film Festival 2018 e presentato in numerosi festival in Italia e nel mondo. Attualmente sta sviluppando il lungometraggio “Teresa, uisa and the #notterosa” di Gianluca Zonta, selezionato per lo sviluppo a Biennale College Cinema 2018.